POTATURA DI RINGIOVANIMENTO DI UN NOCCIOLETO: INFLUENZA DELL'EPOCA E DELL'INTENSITA' DI TAGLIO

F. Limongelli, A. Chiariotti
Un impianto di nocciolo allevato a vaso basso della cv "Tonda di Giffoni", di 25 anni di età, è stato sottoposto a potatura di ringiovanimento adottando diverse intensità di taglio delle branche (a 50 cm , a 50 e 150 cm, a 150 cm dall'inserzione sul tronco).

Dal punto di vista vegetativo, la ricostituzione della chioma è stata più rapida ed equilibrata nelle piante potate a 150 cm.

Dal punto di vista produttivo le piante potate a 50 cm hanno dato risultati sempre inferiori alle altre tesi; in generale la produzione tende a crescere con l'innalzamento del punto di taglio.

Resta da valutare la convenienza economica di intervenire con la portatura di ringiovanimento a 150 cm anziché con quella ordinaria di alleggerimento, eseguita ogni 3–4 anni.

Limongelli, F. and Chiariotti, A. (1994). POTATURA DI RINGIOVANIMENTO DI UN NOCCIOLETO: INFLUENZA DELL'EPOCA E DELL'INTENSITA' DI TAGLIO. Acta Hortic. 351, 447-454
DOI: 10.17660/ActaHortic.1994.351.48
https://doi.org/10.17660/ActaHortic.1994.351.48

Acta Horticulturae